Home > Magazine > Instagram Shadowban: cos’è e come evitarlo

Instagram Shadowban: cos’è e come evitarlo

10 Giugno 2022

Indice dei contenuti

Ultimamente i tuoi post su Instagram stanno ottenendo meno copertura e coinvolgimento? Potresti essere vittima di “shadowban”, ovvero la piattaforma potrebbe aver limitato il tuo account, dandogli minore priorità. Per i marketer è fondamentale capire quando si è incappati nello shadowban e conoscere le strategie per evitare che ciò accada.

Cos’è lo Shadowban

Come ci ricorda Social Media Examiner, lo Shadowban avviene quando una piattaforma di social media dà minore priorità un account. Questo può significare che l’account diventa più difficile da trovare nella ricerca o che i contenuti che pubblichiamo non appaiono più con la stessa frequenza nei feed dei follower. In entrambi i casi si ha un calo del coinvolgimento e della copertura. Potrebbe sembrare che tu sia stato bannato senza un avviso ufficiale, il che spiega l’etichetta “shadowbanning”.

Sebbene Instragram sembra non voler utilizzare l’etichetta “shadowban”, è sempre più evidente che la piattaforma pone limitazioni agli account e ai contenuti in base a un lungo elenco di fattori. Per questo è utile adottare un approccio proattivo per risolvere questo problema.

Le cause dello Shadowban

I motivi che portano allo shadowban possono essere molteplici. Vediamone alcuni insieme a dei suggerimenti per riportare le tue metriche in carreggiata.

Utilizzo di hashtag vietati

Nei tuoi post potresti aver utilizzato degli hashtag collegati a contenuti che vanno contro le linee guida di Instagram. Per questo Instagram potrebbe decidere di limitare i contenuti che presentano queste parole chiave.

Cosa fare allora? Per evitare di utilizzare hashtag vietati, controlla quelli che prevedi di utilizzare prima della pubblicazione. Effettua una ricerca dell’hashtag: una pagina normale dovrebbe mostrare le schede Top, Recent e Reels che mostrano il contenuto che presenta l’hashtag; se cerchi un hashtag vietato, vedrai una pagina vuota, senza alcun contenuto o pulsante di follow, il che segnala che l’hashtag è stato bannato. Ricorda che Instagram aggiorna periodicamente i suoi elenchi, quindi è una buona idea controllare regolarmente i tuoi hashtag. 

instagram shadowban hashtag

Utilizzare gli stessi hashtag in ogni post

Trovare gli hashtag giusti è un lavoro che richiede molto tempo e per questo potresti essere tentato/a di riutilizzare gli stessi hashtag su ogni post. Non c’è nulla di sbagliato, tuttavia Instagram vieta i contenuti ripetitivi e dunque anche le liste di hashtag. Ciò non significa che non puoi riutilizzare regolarmente un hashtag di marca o aggiungere un hashtag della campagna a post pertinenti; semplicemente evita di includere lo stesso identico elenco di hashtag ogni volta che pubblichi.

Una soluzione a questo inconveniente potrebbe essere quella di avvalersi di Meta Business Suite. Qui puoi salvare gli hashtag che usi solitamente; quando pianifichi un post fai clic sul simbolo dell’hashtag e seleziona la scheda Recenti. Ogni volta che pianifichi nuovi contenuti, mescola alcuni degli hashtag approvati dalla scheda Salvati ed evita di ripetere troppo spesso gli hashtag utilizzati di recente. Fai anche attenzione a modificare l’ordine per evitare di ripetere le stesse sequenze.

Ripetere gli stessi commenti

Lo sappiamo bene, rispondere ai commenti è fondamentale per generare e mantenere alto il coinvolgimento dei nostri followr. Ma quando riceviamo molti commenti generici e simili tra loro potremmo essere tentati di copiare e incollare la stessa risposta più e più volte. Questa azione, secondo le linee guida di Instagram, è considerata spam e può causare la limitazione del tuo account.

Social Media Examiner ci consiglia di scrivere sempre risposte personalizzate ai commenti. In questo modo, puoi assicurarti che le tue risposte siano uniche e pertinenti al commento originale. Ancora una volta Meta Business Suite ci viene in soccorso. Vai alla Posta in arrivo dei commenti di Instagram; fai clic sullo strumento Risposta salvata. Inserisci una parola chiave o una frase che desideri associare alla risposta, quindi scrivi la risposta completa. Quando rispondi a un commento di Instagram, puoi fare clic sull’icona del messaggio per visualizzare le risposte salvate e selezionarne una da riutilizzare. Ma fai attenzione: non inviare solo la risposta salvata. Aggiungi una nota personale per personalizzare la tua risposta ed evitare che appaia spam.

Pubblicare contenuti inappropriati

Potrebbe succedere che i tuoi contenuti non vadano contro le linee guida, ma potrebbero essere considerati inappropriati per un pubblico selezionato. Puoi quindi aspettarti che Instagram limiti la distribuzione. 

Ricorda che i contenti non appropriati non verranno visualizzati nelle pagine Esplora o hashtag. In questo caso devi fare una scelta: se dipendi da questo tipo di distribuzione per aumentare la copertura e il coinvolgimento, assicurati che i tuoi contenuti non siano inappropriati. Ma se i contenuti inappropriati fanno parte del tuo marchio, concentrati invece sulla crescita del tuo pubblico, che continuerà a visitare il tuo profilo in ogni caso.

instagram shadowban

Non taggare i contenuti brandizzati

Se ricevi un compenso per un post, devi utilizzare gli strumenti di Branded Content della piattaforma, non basta più l’aggiunta di un hashtag #sponsorizzato al post. Quando collabori con altri marchi per contenuti a pagamento, chiedi loro di approvare il tuo account in anticipo.

Social Media Examiner ci spiega come fare: nell’app Instagram, apri le tue impostazioni Creator o Business; seleziona Contenuto brandizzato e tocca Richiedi approvazione da Brand Partner. Cerca l’account con cui stai collaborando per avviare il processo di pre-approvazione. Prima di pubblicare un post a pagamento nell’app di Instagram, tocca Impostazioni avanzate. In Contenuti brandizzati, attiva l’opzione Aggiungi etichetta di partnership a pagamento. Quindi seleziona il brand partner giusto e procedi alla pubblicazione. Un’etichetta di partnership a pagamento apparirà sul tuo post sotto il tuo nome utente.

Pagare per Mi piace e follower

Far crescere un account Instagram non è facile. Ma va ricordato che la piattaforma proibisce tattiche come pagare per il coinvolgimento o i follower. Se utilizzi un servizio per ottenere Mi piace o follower, Instagram potrebbe limitare i tuoi contenuti o il tuo account. Piuttosto concentrati sull’ottenere un coinvolgimento genuino e sulla costruzione di relazioni reali. Dedica qualche minuto ogni giorno per scorrere il feed e commentare i contenuti in linea con i tuoi obiettivi e la tua missione aziendale.

Hai bisogno di una consulenza?

Contatta la nostra agenzia di comunicazione!

Tag:
Condividi su:
potrebbe interessarti

Chi siamo

Tivitti è un’agenzia di comunicazione specializzata nella realizzazione di strategie di comunicazione volte al raggiungimento degli obiettivi di marketing delle aziende di ogni settore.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Tutte le notizie e gli approfondimenti
sul mondo del marketing e della comunicazione.

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Tivitti srls © 2022 – P. Iva 06423850822 – REA PA 320080 – Cap. Soc. 5.000,00 EUR – Privacy e Cookie Policy