Home > Magazine > L’ascesa del Podcast: fare marketing attraverso l’audio

L’ascesa del Podcast: fare marketing attraverso l’audio

podcast tivitti
7 Gennaio 2022

Indice dei contenuti

Podcast, un nuovo strumento di content marketing

Facili da ascoltare in qualsiasi situazione, i podcast si sono ampiamente diffusi toccando ogni tipo di argomento. In modo inaspettatamente veloce, sono diventati una forma di media digitale popolare e semplice sia da creare che da “consumare”.

L’idea alla base dei podcast ricorda l’esperienza radiofonica. Conta infatti su una serie di episodi che vedono protagoniste una o più persone intente a condurre una conversazione, condividere racconti o riportare notizie. Ogni giorno ne vengono pubblicati (letteralmente) milioni, grazie al supporto di applicazioni popolari.

Va da sé, dunque, che i podcast stiano diventando sempre più uno strumento efficace e di presa per il content marketing: raccontare identità, idee e storie in maniera immediata e così facilmente fruibile è un plus che i grandi brand e gli esperti di comunicazione non hanno potuto, non possono e non potranno non tenere in considerazione.

La registrazione di un podcast

I numeri del Podcast in Italia

Il fenomeno dei podcast è in crescita in ogni parte del mondo, Italia compresa. Stando a Ipsos Digital Audio Survey, ricerca di Ipsos che misura l’ascolto e la modalità di fruizione di tutte le forme di digital audio, nel corso del 2021 i podcast si sono confermati come un’occasione di grande interesse per il mondo dell’editoria, dell’intrattenimento e della comunicazione nella Penisola.

La percentuale di italiani che ascoltano regolarmente questi contenuti audio si attesta intorno al 31% (circa 9.3 milioni di persone, in crescita). Tocca, per altro, diverse generazioni: si va dagli adolescenti agli over 60. Anche se farne un uso più deciso sono gli under 35 (44% del totale), dunque, non si tratta di contenuti esclusivi per millennials o GenZ.

Il mezzo d’elezione per ascoltare i podcast nella penisola resta lo smartphone (usato dal 79% degli utenti), seguito dal computer (43%). È anche in aumento la percentuale di persone che ascoltano o scaricano i podcast mentre sono per strada (23%) o sui mezzi pubblici (19%), nonostante il luogo preferito per dedicarsi all’ascolto sia per lo più casa (81%).

Il dato più importante evidenziato dalla ricerca Ipsos, però, riguarda l’influenza di questo tipo di digital audio nel campo della comunicazione, delle strategie di marketing e dell’advertising. Se a produrre i podcast sono creator e influencer di spicco, infatti, il livello di engagement supera il 59%. Per di più, si rileva un vero e proprio processo di fidelizzazione che li trasforma in terreno fertile per la promozione dei brand.

Dove si ascoltano i Podcast

Se tutto ciò non bastasse a sottolineare quanto questi contenuti audio si stiano evolvendo e stiano velocemente virando verso un uso molto più strategico, basta dare un’occhiata alle grandi società che hanno dato (a tutti gli effetti) casa a questo tipo di contenuti: Spotify, Audible (Amazon) e Amazon Music, per iniziare.

Grandi imprese che hanno subito intercettato il potenziale immersivo del podcast e che sono state seguite a ruota da Apple, che non solo li ha integrati su iTunes, ma ha creato anche Apple Podcast (applicazione che viene fornita gratuitamente sui dispositivi iOS) e da Google, che ha fatto lo stesso con i suoi dispositivi Android rilasciando Google Podcast.

Sono, per altro, sempre in aumento le app gratuite che permettono di affinare le ricerche per mezzo di filtri o di specifiche indicazioni sulla resa audio (Overcast e Stitcher, per esempio). In più, sia su App Store che su Play Store si trovano delle applicazioni più mirate in termini di argomenti e contenuti.

Ascoltare un podcast

Branded Podcast, la nuova frontiera del content marketing

Un pubblico in ascesa, un engagement (quasi) assicurato, un’esperienza immersiva e coinvolgente. Facendo la somma delle informazioni succitate, la nascita dei branded podcast non può che apparire come un prevedibile ampliamento (e completamento) del digital audio marketing.

Ciò che però occorre precisare è che, al di là di quanto già detto, i branded podcast sono uno strumento efficace per motivi psicologici. Hanno, infatti, la capacità di far leva su specifici attivatori emotivi e di avviare precisi processi mnemonici.

Una ricerca della BBC ha rivelato che un podcast brandizzato fatto contando interamente sull’intrattenimento e sul potere emozionale, coinvolge l’ascoltatore persino più di uno spot audiovisivo. Questo perché il podcast è, di base, un’esperienza più coinvolgente e intima.

Un’esperienza che diventa ancora più personale se il podcast viene realizzato pensando a un target specifico e se si riesce a puntare sul tono di voce più efficace. Più il contenuto audio sarà attinente alla storia, alle idee e ai clienti del marchio, più il messaggio resterà immerso nella mente del consumatore.

Il mercato del podcast advertising dunque, è una promessa più che una scommessa. E saranno sempre di più i brand che, con lungimiranza, entreranno nelle orecchie (e nelle preferenze) di un pubblico sempre più trasversale.

Hai bisogno di una consulenza?

Contatta la nostra agenzia di comunicazione!

Tag:
Condividi su:
potrebbe interessarti

Chi siamo

Tivitti è un’agenzia di comunicazione specializzata nella realizzazione di strategie di comunicazione volte al raggiungimento degli obiettivi di marketing delle aziende di ogni settore.
Via Generale C. A. dalla Chiesa, 40
90143 Palermo

Iscriviti alla newsletter

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Tutte le notizie e gli approfondimenti
sul mondo del marketing e della comunicazione.

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

Tivitti srls © 2022 – P. Iva 06423850822 – REA PA 320080 – Cap. Soc. 5.000,00 EUR – Privacy e Cookie Policy